Come funziona il tutor in autostrada? Info utili

Fiat Panda

1.0 FireFly S&S Hybrid

Consegna Rapida

City car & Compact
Ibrido

da 196€

al mese IVA Inclusa

48 mesi / 15000 km annui / Anticipo 4000€

INCENTIVI YOYO

Jeep Avenger

1.2 Turbo Longitude

Offerta Esclusiva

Suv
Benzina

da 299€

al mese IVA Inclusa

36 mesi / 30000 km annui / Anticipo 6000€

INCENTIVI YOYO

Nissan Qashqai

1.3 MHEV 158 Business Xtronic

QASHQAI 1.3 MHEV 140 Business noleggio lungo termine

Consegna Rapida

Suv
Ibrido

da 364€

al mese IVA Inclusa

36 mesi / 10000 km annui / Anticipo 6000€

INCENTIVI YOYO

Come funziona il tutor in autostrada

I guidatori sanno molto bene come in strada bisogni rispettare limiti di velocità e regole ben precise. In quest’ottica sarebbe bene chiarire come funziona il tutor in autostrada, un sistema di sicurezza sviluppato da Autostrade per l’Italia che ha contribuito in modo significativo ad aumentare la sicurezza per chi viaggia.

Prima di spiegare il tutor in autostrada come funziona, sarebbe bene sottolineare come, a soli 12 mesi dall’installazione, il tasso di mortalità si sia ridotto del 51%. Per capire come funziona il tutor in autostrada è bene prima chiarire che si tratta di un sistema innovativo per la rivelazione automatica della velocità dei veicoli. Possiamo anche definirlo come un sistema preventivo molto efficace, capace di ridurre il numero e il rischio di incidenti.

Il tutor in autostrada: tutte le info

Il tutor è un sistema sviluppato da Autostrade per l’Italia e omologato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Il tutor è stato installato lungo le tratte con tassi di mortalità superiori alla media, raggiungendo nel tempo una estensione massima di 2500 chilometri di carreggiate di Autostrade per l’Italia. Per capire come funziona il tutor in autostrada si consideri che, a inizio 2018, sono stati introdotti dei nuovi meccanismi di funzionamento basati su una vasta gamma di nuove tecnologie. Ma esattamente, il tutor in autostrada come funziona?

Rileva l’eccesso di velocità calcolata tenendo conto del tempo impiegato dagli automobilisti per viaggiare su tratte ben definite, delimitate da due portali che sono posizionati a distanze variabile tra loro. Rispetto ai tanto contestati autovelox, i tutor in autostrada sono stati elogiati anche dalle Associazioni dei Consumatori perché capaci di punire i comportamenti realmente pericolosi e di andare a modificare le abitudini sbagliate dei guidatori. Nello specifico, da quando sono stati installati i tutor, si è registrata anche una consistente diminuzione della velocità di picco e della velocità di media, rispettivamente nell’ordine del -25% e del -15%. In questo modo si è determinata anche una netta diminuzione del rischio di incidenti e delle conseguenze sulle persone.

Tutor autostrada: i risultati ottenuti

Una volta spiegato come funziona il safety tutor in autostrada non resta che soffermarsi sui risultati ottenuti da questo sistema di sicurezza innovativo. A oggi, il tasso di mortalità sulla rete autostradale è stato ridotto dell’81% circa anche grazie al contributo proprio dei Tutor. A completamento del come funziona il sistema tutor in autostrada, bisogna anche aggiungere che questo sistema è gestito integralmente dalla Polizia Stradale che, ne programma l’attività, e ne accerta le infrazioni.

Nello specifico, la Polizia Stradale definisce le ore di accensione dei tutor, accerta le infrazioni ed emette i verbali, comminando le rispettive sanzioni, il cui importo viene incassato direttamente dallo Stato. Ne consegue che i proventi delle multe comminate con il Tutor non vanno a beneficio di Autostrade per l’Italia.

Come funziona il tutor in autostrada: la spiegazione tecnica

Per spiegare come funziona il tutor in autostrada bisogna partire dal presupposto che il sensore del portale di ingresso rileva la categoria del veicolo e attiva subito le telecamere. Queste scattano la fotografia e registrano, contestualmente, anche data e ora del passaggio della vettura. Al passaggio della vettura al portale successivo l’operazione viene ripetuta con una nuova fotografia del veicolo e la registrazione di data e ora del passaggio. A questo punto subentra un sistema centrale che deve effettuare tutti gli abbinamenti tra i dati registrati dalle telecamere dei due diversi portali, calcolando i tempi di percorrenza di ciascun veicolo.

Tutti i veicoli con tempi di percorrenza che non superano quelli consentiti nella tratta vengono subito eliminati. Le vetture che compiono una violazione, invece, vengono interrogati in automatico dal sistema per risalire all’intestatario e al conducente del veicolo. In ultimo, la Polizia Stradale accerta le diverse violazioni e provvede a compilare la stampa del verbale, inoltrando via informatica tutti i dati per la procedura di notifica al trasgressore.

Per completare il discorso su come funziona il safety tutor in autostrada, è opportuno ricordare che tale sistema funziona anche di notte e in caso di pioggia o di nebbia. Non solo, il tutor è stato anche espressamente progettato per distinguere la tipologia del veicolo tra automobili, automobili con rimorchio, moto, camion e autobus. E per chi procede con rimorchio? Anche in questo caso il tutor è perfettamente in grado di rilevarne la presenza e di associare in tempo reale il limite di velocità corrispondente.

Altre info utili sul tutor

Oltre a comprendere come funziona il sistema tutor in autostrada dobbiamo anche ricordare che la presenza di questo sistema di sicurezza è sempre segnalata da appositi cartelli verdi installati in avvicinamento sotto i portali. Si consideri, infine, che il funzionamento dei tutor è del tutto indipendente dalla traiettoria seguita dal veicolo al momento del transito sotto i portali. A tutela della privacy, il sistema di controllo memorizza i dati dei veicoli solo ai fini della verifica dell’infrazione.

Chi volesse limitare al minimo le preoccupazioni legate alla guida può valutare le soluzioni di noleggio lungo termine e le offerte per privati e aziende e partita Iva https://www.movenzia.com/offerte-per-aziende/, la formula perfetta per non preoccuparsi di assicurazione, manutenzione e bollo e concentrarsi unicamente sulla guida!

Maurizio Darpin
Scritto da:

Maurizio Darpin

Maurizio Darpin si occupa di scrittura di articoli, guide e news a tema automotive, unendo la sua curiosità e l'esperienza maturata in tanti anni.

Cosa facciamo per te

Siamo un’azienda di professionisti, esperti nel vasto settore del noleggio a lungo termine auto, per privati e per business. Sul nostro portale potrai trovare facilmente risposta alle tue esigenze di mobilità, selezionando le offerte auto migliori per prezzo e optional inclusi. Ma non finisce qui: ti aiutiamo a finalizzare per telefono la tua scelta, seguendoti in ogni fase del processo e rendendo tutto più semplice e sicuro. Se vuoi conoscerci di persona, vienici a trovare! Siamo nel centro di Torino, con il nostro primo store fisico.movenzia.com è la Digital Company del noleggio a lungo termine.